[PR] Gain and Get More Likes and Followers on Instagram.

#sbollandoteam

322 posts

TOP POSTS

Domaine Michel Juillot Corton Perrieres 2000

Taster: Il Socio

84/100
09 agosto 2017:
Siamo al terzo giorno di tour in Borgogna. Partiti da Digione ci stiamo dirigendo verso sud.
I paesaggi sono cambiati. La zona a Nord, specie interno a Gevery Chambertin, era molto più curata, più fighetta.
Qui a Mercurey tutto è più semplice, quasi a portata di mano.
In una enoteca infatti, con una tessera pre pagata abbiamo a disposizione una 40ina di vini in mescita all’interno di dispenser.
La macchina legge la carta, scala il credito, ed eroga il vino.
In un attimo però le schede sono già esaurite! Quindi che fare? Un’altra tessera o un’altra cantina!?
La seconda opzione ci permette di incontrare la carinissima Clodine nella Domaine Michel Julliot Corton!
La bella Clodine, divertita dai nostri apprezzamenti (riferiti al vino si intende), inizia col stapparci una Cremant e finisce, dopo numerosi e generosi assaggi, con una Grand Cru del 2000!
Ragazzi, io il paradiso me lo immagino proprio così!
Ore 21.00 del 13 ottobre 2017
Siamo dall’amico Claudio al Caffè letterario.
Abbiamo deciso di aprire alcuni dei vini acquistati in Borgogna.
Il Grand Cru del 2000 si presenta con un bel rosso rubino classico del Pinot nero.
Come la maggior parte dei vini della Borgogna, il ragazzo matura per 18 mesi in barriques poi in bottiglia per l’affinamento.
I profumi sono poco intensi ma eleganti.
Spezie a non finire con una piccola nota di balsamico.
In bocca …..in bocca è un peccato però che scivoli via così velocemente.
Va’ bene i pochi tannini (è un Pinot nero) ma così corto per una Grand Cru?!
Che delusione!
Peccato; in paradiso questo vino era eccezionale!
Il socio#borgogna #MichelJuillot#CortonPerrieres

MICHELE SATTA
I CASTAGNI 2004
TASTER: IL CURIOSO
89/100

Questa cuvèe sicuramente non è delle più comuni... Cabernet Sauvignon e Syrah in maggioranza con una piccola percentuale di Teroldego. Rosso granato cupo d'altronde con questi uvaggi non potrebbe essere diverso. Al naso la nota principale è quella del peperone che arriva del cabernet sauvignon, poi mirtilli e ribes... infine erbe aromatico come rabarbaro e liquirizia (il bastoncino).
In bocca ha un buon corpo i tannini sono ben presenti e fini, note balsamiche e spezie, per poi chiudere con un lungo finale che a me ricorda il cioccolato... Per i miei gusti il cabernet sauvignon è troppo protagonista...Il peperone, le note vegetali sono troppo presenti.. ma questo è un parere personale. Tecnicamente il vino è fatto bene e se amate il Cabernet Sauvignon non posso che consigliarlo, in caso contrario......#bolgheri #michelesatta #icastagni #bolgherisuperiore

BARBERA D’ALBA FRANCIA DOC 2014 - GIACOMO CONTERNO
TASTER: IL CREATIVO
89/100
L’inverno sta arrivando... scomodiamo il ritornello del “trono di spade” per questo vino prodotto integralmente da Barbera del vigneto Francia (il cru più a sud di Serralunga). Dicevamo... se l’inverno sta arrivando dobbiamo prepararci ad affrontarlo al meglio! Io penso che aprendo questa bottiglia, saremo quasi contenti che arrivi il freddo... al bicchiere si dimostra poco timido: rosso rubino profondo che ti riscalda solo a guardarlo...
Il naso e’ complesso e trovare tutti i suoi profumi e’ una sfida che vi consiglio di provare a superare... io ho sentito sicuramente le amarene e la lavanda, oltre ad un sentore di minerale.
In bocca e’ sfacciato, tonico e con una buona persistenza.
Noi abbiamo assaggiato un 2014, ma non avevamo scelta.
Se volete scaldarvi dal freddo... spegnete i caloriferi, staccatevi dai piedi caldi del vostro compagno/a di turno, preparate i bicchieri e.... aprite questa bottiglia. Farete una buona azione ecologica non inquinando il pianeta!
Addios#giacomoconterno #barbera#conterno#vignafrancia

DOLCETTO D'ALBA 2013 “TRE VIGNE” -VIETTI
TASTER:IL PORPORATO MAGICO
88/100
Innamorato sempre e di più! Così cantava l'indimenticabile Battisti e così mi sento quando mi trovo a scegliere i vini rossi. Lo ammetto sono di parte, ho una cotta per questa cantina, per la sua qualità/prezzo e per i disegni sulle loro etichette. Questo dolcetto passa 10 mesi in botte di rovere tradizionale e viene poi imbottigliato senza filtrazione. Si presenta con un elegante porpora sfumato in blu, al calice sprigiona sentori di more e mirtilli ed al gusto ha decisamente un buon corpo ed i tannini sono morbidi, piacevoli. Gusto e profumo hanno persistenza e berlo è talmente semplice da poter esclamare "evaporato!". Abbinato a lasagne fatte in casa e a tajine di pollo con agrumi caramellati ha trovato la morte sua. P.S.:Chiedo venia per le due gocce sull'etichetta..troppa foga nel servirlo 😅#dolcetto#vietti

GEORG SCHLEGEL

SALISER GRANDE SELECTION PINOT NERO 2011
TASTER: IL CURIOSO
91/100

Per cosa è famosa la Svizzera? Tutti gli stereotipi consigliano: banche, cioccolato, orologi qualche formaggio. E il vino? Sicuramente il vino Svizzero non è: né famoso né facile da trovare. Conoscendo la mia passione per il vino il gestore di un locale che conosco mi consiglia di provare questo pinot nero, incuriosito lo provo e rimango piacevolmente colpito. Questo vino ricorda molto i grandi pinot neri della Borgogna, la cantina si trova sullo stesso parallelo delle più blasonate maison francesi.

Colore classico del pinot nero, rosso scarico (tipo quello del nebbiolo). Ho trovato il profumo eccezionale, frutti rossi in particolare lampone, ciliegia e ribes. Si sente anche il legno, infatti fa 12 mesi di barrique. Il profumo oltre essere intenso e anche molto equilibrato. In bocca è decisamente piacevole (meno che al naso) ti lascia un bel sapore di frutti rossi, ha un tannino molto fine. La struttura non è delle più importanti e il finale non è lunghissimo.

Lo consigliere a chiunque perché mi è piaciuto molto, peccato sia veramente difficile da trovare. Ho visto che viene venduto sul loro sito ma non ho alcuna idea su cosa voglia dire farselo spedire in Italia. Sarebbe molto interessante provare altri vini.
#pinotnero #pinotnoir #vinorosso #redwine #vinrouge #rotwein #swisswine#georgschlegel

Noi saremo presenti Martedì 11 aprile! Voi?? #vinitaly2017 #vinitaly#sbollandoteam

"CHIARA"PIGATO 2016 – DONNE DELLA TORRE
TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO
85/100
Giallo paglierino. Ottima intensità di profumi, banana pesca albicocca e un pizzico di miele. Sorso asciutto minerale e sapido che offre una bella beva. Finale leggermente ammandorlato. Ottima qualità/prezzo#pigato#chiara#donnedellatorre

LA SEGERTA 2016 – PLANETA
86/100 TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO
Una piacevole scoperta questo 2016 che si aggiunge alla nostra lunga lista del #berebeneconpoco . Le annate bevute precedentemente non mi convincevano molto, anche se sempre di giusta qualità/prezzo.
Si presenta giallo chiaro. Naso lanciatissimo, freschissimo una vera sorpresa, frutti esotici,fiori bianchi,un tocco di agrumi. Sorso gradevolissimo dove si ripresentano molti dei sentori olfattivi. Equilibrato e molto fine.
Credo che sarà una delle bottiglie che userò di più nell’estate 2017 per la sua qualità prezzo!
Da bere ascoltando “ L’estate addosso” ( i componenti del team mi capiranno!)#lestateaddosso #planeta #lasegreta#sicilia

MOST RECENT

Domaine Michel Juillot Corton Perrieres 2000

Taster: Il Socio

84/100
09 agosto 2017:
Siamo al terzo giorno di tour in Borgogna. Partiti da Digione ci stiamo dirigendo verso sud.
I paesaggi sono cambiati. La zona a Nord, specie interno a Gevery Chambertin, era molto più curata, più fighetta.
Qui a Mercurey tutto è più semplice, quasi a portata di mano.
In una enoteca infatti, con una tessera pre pagata abbiamo a disposizione una 40ina di vini in mescita all’interno di dispenser.
La macchina legge la carta, scala il credito, ed eroga il vino.
In un attimo però le schede sono già esaurite! Quindi che fare? Un’altra tessera o un’altra cantina!?
La seconda opzione ci permette di incontrare la carinissima Clodine nella Domaine Michel Julliot Corton!
La bella Clodine, divertita dai nostri apprezzamenti (riferiti al vino si intende), inizia col stapparci una Cremant e finisce, dopo numerosi e generosi assaggi, con una Grand Cru del 2000!
Ragazzi, io il paradiso me lo immagino proprio così!
Ore 21.00 del 13 ottobre 2017
Siamo dall’amico Claudio al Caffè letterario.
Abbiamo deciso di aprire alcuni dei vini acquistati in Borgogna.
Il Grand Cru del 2000 si presenta con un bel rosso rubino classico del Pinot nero.
Come la maggior parte dei vini della Borgogna, il ragazzo matura per 18 mesi in barriques poi in bottiglia per l’affinamento.
I profumi sono poco intensi ma eleganti.
Spezie a non finire con una piccola nota di balsamico.
In bocca …..in bocca è un peccato però che scivoli via così velocemente.
Va’ bene i pochi tannini (è un Pinot nero) ma così corto per una Grand Cru?!
Che delusione!
Peccato; in paradiso questo vino era eccezionale!
Il socio#borgogna #MichelJuillot#CortonPerrieres

MICHELE SATTA
I CASTAGNI 2004
TASTER: IL CURIOSO
89/100

Questa cuvèe sicuramente non è delle più comuni... Cabernet Sauvignon e Syrah in maggioranza con una piccola percentuale di Teroldego. Rosso granato cupo d'altronde con questi uvaggi non potrebbe essere diverso. Al naso la nota principale è quella del peperone che arriva del cabernet sauvignon, poi mirtilli e ribes... infine erbe aromatico come rabarbaro e liquirizia (il bastoncino).
In bocca ha un buon corpo i tannini sono ben presenti e fini, note balsamiche e spezie, per poi chiudere con un lungo finale che a me ricorda il cioccolato... Per i miei gusti il cabernet sauvignon è troppo protagonista...Il peperone, le note vegetali sono troppo presenti.. ma questo è un parere personale. Tecnicamente il vino è fatto bene e se amate il Cabernet Sauvignon non posso che consigliarlo, in caso contrario......#bolgheri #michelesatta #icastagni #bolgherisuperiore

BARBERA D’ALBA FRANCIA DOC 2014 - GIACOMO CONTERNO
TASTER: IL CREATIVO
89/100
L’inverno sta arrivando... scomodiamo il ritornello del “trono di spade” per questo vino prodotto integralmente da Barbera del vigneto Francia (il cru più a sud di Serralunga). Dicevamo... se l’inverno sta arrivando dobbiamo prepararci ad affrontarlo al meglio! Io penso che aprendo questa bottiglia, saremo quasi contenti che arrivi il freddo... al bicchiere si dimostra poco timido: rosso rubino profondo che ti riscalda solo a guardarlo...
Il naso e’ complesso e trovare tutti i suoi profumi e’ una sfida che vi consiglio di provare a superare... io ho sentito sicuramente le amarene e la lavanda, oltre ad un sentore di minerale.
In bocca e’ sfacciato, tonico e con una buona persistenza.
Noi abbiamo assaggiato un 2014, ma non avevamo scelta.
Se volete scaldarvi dal freddo... spegnete i caloriferi, staccatevi dai piedi caldi del vostro compagno/a di turno, preparate i bicchieri e.... aprite questa bottiglia. Farete una buona azione ecologica non inquinando il pianeta!
Addios#giacomoconterno #barbera#conterno#vignafrancia

DOLCETTO D'ALBA 2013 “TRE VIGNE” -VIETTI
TASTER:IL PORPORATO MAGICO
88/100
Innamorato sempre e di più! Così cantava l'indimenticabile Battisti e così mi sento quando mi trovo a scegliere i vini rossi. Lo ammetto sono di parte, ho una cotta per questa cantina, per la sua qualità/prezzo e per i disegni sulle loro etichette. Questo dolcetto passa 10 mesi in botte di rovere tradizionale e viene poi imbottigliato senza filtrazione. Si presenta con un elegante porpora sfumato in blu, al calice sprigiona sentori di more e mirtilli ed al gusto ha decisamente un buon corpo ed i tannini sono morbidi, piacevoli. Gusto e profumo hanno persistenza e berlo è talmente semplice da poter esclamare "evaporato!". Abbinato a lasagne fatte in casa e a tajine di pollo con agrumi caramellati ha trovato la morte sua. P.S.:Chiedo venia per le due gocce sull'etichetta..troppa foga nel servirlo 😅#dolcetto#vietti

MARCHESE DI VILLAMARINA. TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO

90/100

Era la bottiglia che avrei dovuto portare a “ROSSANDO 2017 “ la gara dei cabernet sauvignon, poi all’ultimo momento optai per “L’OLMAIA 1998”. Cabernet sauvignon in purezza vinificato in acciaio maturato per 14 mesi in barrique di rovere di Tronçais , e successivamente in botti grandi tradizionali, dove matura per altri dodici mesi. Il processo produttivo viene ultimato con l’imbottigliamento e l’affinamento in vetro, in cantine buie per almeno diciotto mesi.

Rosso rubino impenetrabile. Al naso si rivela molto intenso; prugna in primis,more,peperone,olive,accenno di vaniglia e cuoio.
Sorso potente ma altrettanto morbido e sapido, tannino elegante e tutto ciò che si è percepito al naso lo si ritrova nel sorso. Finale di grandissima persistenza.

Lunga vita al marchese!!#marchesedivillamarina #sellaemosca #cabernet #cabernetsauvignon

GEORG SCHLEGEL

SALISER GRANDE SELECTION PINOT NERO 2011
TASTER: IL CURIOSO
91/100

Per cosa è famosa la Svizzera? Tutti gli stereotipi consigliano: banche, cioccolato, orologi qualche formaggio. E il vino? Sicuramente il vino Svizzero non è: né famoso né facile da trovare. Conoscendo la mia passione per il vino il gestore di un locale che conosco mi consiglia di provare questo pinot nero, incuriosito lo provo e rimango piacevolmente colpito. Questo vino ricorda molto i grandi pinot neri della Borgogna, la cantina si trova sullo stesso parallelo delle più blasonate maison francesi.

Colore classico del pinot nero, rosso scarico (tipo quello del nebbiolo). Ho trovato il profumo eccezionale, frutti rossi in particolare lampone, ciliegia e ribes. Si sente anche il legno, infatti fa 12 mesi di barrique. Il profumo oltre essere intenso e anche molto equilibrato. In bocca è decisamente piacevole (meno che al naso) ti lascia un bel sapore di frutti rossi, ha un tannino molto fine. La struttura non è delle più importanti e il finale non è lunghissimo.

Lo consigliere a chiunque perché mi è piaciuto molto, peccato sia veramente difficile da trovare. Ho visto che viene venduto sul loro sito ma non ho alcuna idea su cosa voglia dire farselo spedire in Italia. Sarebbe molto interessante provare altri vini.
#pinotnero #pinotnoir #vinorosso #redwine #vinrouge #rotwein #swisswine#georgschlegel

MONTERSINO 2012 - BARBARESCO - ORLANDO ABRIGO
TASTER: IL CREATIVO
89/100
Un lieve infortunio mi ha tenuto fuori dai campi di gioco (ehm di dei vigneti) per un po’ di tempo ... dopo aver recuperato avevo voglia di scendere in campo... così, un venerdì sera autunnale con IL SOCIO, IL CURIOSO e LO SCIABOLATORE SOTTOMARINO, apriamo questa bottiglia in un’enoteca vicino a casa.
La voglia di rosso era tanta, complice anche la serata freddina. Leggendo la carta dei vini l’occhio si sofferma su questo Barbaresco. Conoscevamo la cantina, ma non avevamo mai assaggiato questo vino... detto... ordinato e bevuto! Le lunghe dita affusolate della cameriera aprono con delicatezza questa bottiglia. Il colore ci apre il cuore: bel rosso rubino! Il naso mi ha dato belle soddisfazioni: profumo complesso con frutti rossi maturi e spezie che emergono sugli altri. In bocca, la prima impressione è di un vino delicato, poi quando i tannini fanno a botte con la lingua si ha la sensazione di avere a che fare con un vino tosto e schietto!
Beviamo la bottiglia più velocemente di un ghepardo innamorato e restiamo con la tentazione del bis... il medico mi dice che per essere la prima partita dopo l’infortunio va bene così. Non posso giocare i supplementari... per ora...
Ci vedremo presto!!#ORLANDOABRIGO#barbaresco#montersino

BARBERA DEL MONFERRATO SUPERIORE - CANTICO DELLA CROSIA 2013 - VISCONTI CASSINIS RAVIZZA
TESTER:IL PORPORATO INFIAMMATO
89/100 ..con la scusa dei mercatini d'antiquariato 😉! Da amante del barbera la scelta è piacevolmente caduta su di lei.Agli occhi si presenta con un bel rosso rubino scuro,impenetrabile.Ciliegia,frutti di bosco e note di burro escono dal calice dando sensazioni di freschezza.L'assaggio stupisce per il suo finale pulito e persistente.Servita a pranzo,in compagnia di una sbollando girl presso il ristorante CICINBARLICHIN,è stata abbinata con battuta di Fassona in bagna cauda (delicata)e agnolotti monferrini ai tre arrosti (cibo ottimo e locale molto accogliente)

#cicinbarlichinfood #casalemonferrato #barberadelmonferrato #mercatinid'antiquariato#sbollandogirls

BARBACARLO 2007 – LINO MAGA

TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO

89/100
Ed eccoci qui ancora dal “MAGO LINO” bevendo il suo BARBACARLO.

Ci vorrebbe un giorno intero per raccontare la storia e le battaglie di questo vino quindi se siete curiosi fate una ricerca in internet.

Blend di Croatina, Uva Rara e Vespolina.

Nel bicchiere è rubino brillante e appena lo si versa si nota anche la carbonica(tranquilli è normale). Naso che sprigiona una serie di profumi: ciliegia, prugna,cuoio,tabacco e una nota balsamica e spezia dolce. Il sorso è succoso, fresco, goloso è il frutto che fa da padrone;finale lunghissimo.

Come il fratellino “montebuono” ogni annata non è mai uguale ( in estate ho bevuto un 2006 completamente diverso) io questo non so se sia un bene o un male, ma produrre un vino cosi schietto, genuino e longevo senza nessun apporto tecnologico non sia cosi banale e semplice e solo un mago ci possa riuscire. “Il mio vino non segue le regole del mercato ma quelle del tempo e dell’esperienza, è succo d’uva della terra, del luogo che lo ha partorito, per la gente che ama ancora il sapore della terra…” (cit.Lino Maga)#linomaga #barbacarlo #oltrepopavese #oltrepo

DR. PAULY BERGWEILER

RIESLING TROCKEN 2016

87/100

TASTER: IL CURIOSO

Degustazione di riesling molto interessante, primo perché non mi era mai capitata una degustazione simile, secondo perché adesso, se volessi acquistare un riesling, saprei cosa prendere imbattermi in sorprese già capitate in passato. Il primo vino di cui vi parlo è la base il TROCKEN: questo vino è quello che si avvicina ai nostri gusti. Colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli. Ha un profumo di pera acerba, già al naso si percepisce la mineralità e l’acidità che ritroveremo in bocca. Ha un gusto molto fresco, acido e sapido con una discreta struttura e un bel finale. Gradazione alcolica 11,5%, la indico perché è molto importante per inquadrare i riesling. È difficile da spigare in poche righe: in linea di massima (non è una regola ferrea) la qualità/prezzo aumenta con l’aumentare del residuo zuccherino e la diminuzione della gradazione alcolica. Tornando al nostro vino, è ideale come aperitivo o accompagnato con un antipasto leggero. Per gli amanti della bicicletta consiglio una gita sui 200km di ciclabile che costeggia la Mosella con qualche tappa in cantina per riprendere le energie.

#riesling #trocken #mosella #mosel #whitewine #vinobianco #vinblanc #weisswein

CHAMP - ISABELLE LIPPE 2013
TASTER: L’ING & IL SOCIO
88/100
Venerdì 29 settembre, seduto in quel caffè……pensavo alla donazione AVIS!!!!
Quei maledetti mi rimbalzano da almeno un anno.
Una volta il colesterolo troppo alto, poi la pressione troppo bassa!
Adesso mi manca il ferro! Avrei più fortuna con Belen che con il Medico AVIS.
Mi hanno consigliato di mangiare più carne quindi, pensio io, di bere anche più vino rosso!
Oggi 3 ottobre eccomi pertanto impegnato nella descrizione di questo Champ 2013, prodotto dalla cantina Isabelle Lippe.
Si tratta di una bottiglia acquistata nella scorribanda fatta in Borgogna quest’estate.
E’ un ‘Regional’ ossia l’equivalente di una nostra base prodotta in una determinata zona vinicola.
Un classificazione o, Appellation, che prevede poi la ‘1er Cru’ e la ‘Grand Gru’ in ordine crescente di qualità dell’uva!
Ora senza dilungarci troppo su questi argomenti, il vino mi ha sorpreso soprattutto per i suoi profumi.
Il colore è il classico del Pinot Noir (scusate siamo in Borgogna e pertanto stiamo parlando di Pinot nero) ma come dicevo poc’anzi sono intriganti i profumi a mio parere.
Erbe, un po’ di tabacco e tanto spezie!!!
Pepe bianco su tutto e qualche piacevole nota balsamica.
In bocca quest’ultime note si sentono sulla punta della lingua ma poi purtroppo il vino scivola via velocemente!
Poco corpo e pochi tannini. Troppo pochi, maledizione!!!!
Ma tant’è, stiamo parlando di un ‘Regional’ quindi direi che ci sta’.
Ottimo il prezzo; mi sembra di ricordare sulle 15 euro!
Il problema è che la bella Isabelle vende solo in cantina e il viaggio in macchina costa una fucilata.
Per concludere direi un vino piacevolissimo che spero ‘faccia sangue’.
Se mi rimbalzano anche stavolta, ci provo con Belen!
Saluti
Il Socio

ZIDARICH - VITOVSKA I.G.P. VENEZIA GIULIA 2012
VOTO: 92/100
TASTER: LO SCIABOLATORE SOTTOMARINO
Lavorare le vigne in una zona come il Carso non deve essere facile, ma i risultati ottenuti da Beniamino Zidarich, probabilmente giustificano tanta fatica, compresa quella di non intervenire chimicamente in alcun modo e lasciar parlare la natura.
Qua, col socio, abbiamo bevuto il Vitovska, un vitigno autoctono veramente interessante... nel bicchiere è di un bel giallo oro carico, quasi aranciato e non essendo filtrato risulta intorbidito. Al naso spiccano i frutti tropicali, papaia su tutto; in bocca sembra virare sulla polpa di mango e attendendo qualche minuto escono anche sentori balsamici. È di buon corpo e di una bella acidità: il finale di bocca è asciutto, sapido, fresco... Insomma è un viaggio equilibrato di sensazioni contrastanti: questo vino mi è piaciuto parecchio!#zidarich #vitovska

MONTEBUONO 2006 – LINO MAGA

TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO

89/100

Fratellino del famoso Barbacarlo prodotto dal “Commendator” Lino Maga o meglio per me “MAGO LINO”. I suoi vini sono come delle leggende mitologiche.Siamo naturalmente in Oltrpò pavese e stiamo bevendo un blend di Croatina, uva rara, Vespolina e Barbera.Nel bicchiere è un rubino scuro. Inizialmente un pò scontroso al naso ( consideriamo che ha già 11 anni questa bottiglia, quindi gli è permesso), dopo poco si concede con un frutto rosso maturo molto elegante;in primis ciliegia , uva matura e spezie che ricordano la corteccia e cuoio. Il sorso è pulito giustamente tannico e asciutto, ciliegia e spezie portano ad un finale lunghissimo.

Un vino che come il barbacarlo non è mai uguale; cambia di anno in anno e grazie alla sua storia e grazie al “ MAGO LINO “ riesce ogni volta ad appassionare.

ANGOLO CURIOSITA’ :

Il Montebuono anche come "Vino di Napoleone" perché si racconta che, tornando dalla battaglia di Marengo, Napoleone si sia fermato a Broni, dove ebbe occasione di bere e apprezzare il vino prodotto sulla collina di Montebuono, da allora conosciuta come "Monte Napoleone"l#montebuono #linomaga#oltrepopavese

"CHIARA"PIGATO 2016 – DONNE DELLA TORRE
TASTER: IL RICERCATORE CORAGGIOSO
85/100
Giallo paglierino. Ottima intensità di profumi, banana pesca albicocca e un pizzico di miele. Sorso asciutto minerale e sapido che offre una bella beva. Finale leggermente ammandorlato. Ottima qualità/prezzo#pigato#chiara#donnedellatorre

JACQUES SELOSSE

INITIAL BLANC DE BLANCS

92/100

TASTER: IL CURIOSO
Per festeggiare l’inizio dell’autunno insieme a Quintarelli abbiamo degustato lo champagne base (si fa per dire) della maison Selosse. Come diciamo spesso: tutte le bottiglie che degustiamo le beviamo coperte (per la felicità della mia compagna a cui consumo chilometri e chilometri di carta stagnola) questo per non farci influenzare dall’etichetta. Non ho mai voluto acquistare bottiglie di questa cantina perché il fatto che fosse biologico (naturale o come preferite definirlo) mi ha sempre reso un po’ scettico. In questo caso mi sono sempre sbagliato: questo champagne è molto buono, credo che costi troppo ma è sicuramente buono.

Questo vino fa la prima fermentazione in barrique, in fatti appena portato al naso il legno è quasi fastidioso, col passare del tempo si attenua amalgamandosi bene con la mela verde il cedro e la pasticceria che prima non si sentivano (e-commerce che ha venduto la bottiglia Muttley si era raccomandato di tenerlo aperto trenta minuti prima di servirlo…. ma eravamo troppo ansiosi di assaggiarlo). Possiede una bolla molto fine che avvolge la bocca e aiuta a decifrare tutto i sapori di questo champagne. L’acidità data dal cedro viene smorzata dalla tostatura del legno e della sapidità del terreno, si percepisce una nota mielosa e qualcosa di leggermente piccante alla fine.

Nel complesso un ottimo champagne, che mi ha sorpreso. Adesso ho la curiosità di provare gli altri prodotti della maison

#domainejacqueselosse #champagne #chardonnay #bio #bubbles #bollicine #blancdeblancs #selosse

Most Popular Instagram Hashtags