#libia

MOST RECENT

Such an underrated and at the same time an astonishing country 🕌🇱🇾 #libya #libia #ruines #theatre #ancient #antique #miracle #wonder #africa #mediterraneo #mediterranean #maravilla

Gabriele Del Grande , quando le bugie fanno piu' morti di una singola bomba.
2010 Tunisia "Escludo categoricamente che dietro le rivolte ci siano sigle islamiste." Hennada, Anshar al Sharia , Tunisia primo serbatoio di foreign fighters .

2011 Egitto
"È voglia di libertà e la religione non c'entra nulla"

Cade Mubarak, vincono i Fratelli Musulmani

2011 Libia "Escludo l'estremismo religioso , è voglia di libertà dopo quarant'anni di terrore." Cade Gheddafi

Spopola Isis, sigle legate ad Al Qaida nel Magreb, Anshar al Sharia Libia,brigata Malik Abu Obayda bin al-Jarah ecc.. Yemen 2011 "Rivolta di popolo contro le ingerenze iraniane"

Spopola Al Qaida (pagata dai sauditi) e altri islamisti finanziati da Qatar e Pakistan

Siria 2013 "Questo è internazionalismo, come in Spagna. Partigiani che lottano contro un regime, la bandiera nera è il simbolo dell'Internazionale"

Siria invasa da islamisti di 45 paesi

Isis, al NUSRA, arhar al sham, fronte islamico, milizie cecene, kosovare,pakistane, turche, saudite....
#siria #libia #yemen #egitto #gabrieledelgrande

Sin lugar a dudas, el Sistema #Internacional se encuentra en #crisis.
Acciones pre-bélicas por #unipolaridad en la toma de decisiones por parte de la #Organización de #Naciones Unidas (ONU) quebrantado su esencia fundamental. Más allá de esto; un posible conflicto global y el petróleo vuelve a jugar un rol fundamental como lo hizo en la "Gran guerra y Segunda #Guerra Mundial" "su disponibilidad". Factores importantes a tomar en cuenta: El incremento de la demanda por parte de actores de peso, como es el caso de China que presentó un #crecimiento de 6,9 PIB para el primer trimestre 2018, e #India que sorprendió con un 7,2 según #FMI generó una volatilidad en los precios del barril de petroleo exigiendo mayores costos a quienes tengan más capacidad de colocar hombres y #maquinarias al #combate; respecto a esto, el cierre al viernes 13 de abril del corriente año, el barril de petroleo se coloco en 68,01 dólares en el indicador WTI, seguidamente 73,74 el #BRENT y desde 1973 el precio #OPEP está semana, superó al indicador #WTI con un 69,28 dólares, motivado a la presentación del "#petro-#Yuan por parte de China en el pago de su demanda en el mercado petrolero, entre otros factores (tumbó los precios en los títulos de valores en las empresas #petroleras #norteamericanas). Ahora Bien, EE.UU. de iniciar dicho conflicto requiere 300.000 millones de barriles de petróleo aprox. para transformarlos en %combustible, Europa 200.000 cuando la extracción en el Mar del Norte por parte de #Países como Reino Unido, Suecia, Dinamarca y Francia, esta en declive desde el año 2000 luego de la #destrucción de #Irak y #Libia. Sumado a esto se coloca en riesgo por la proximidad de ataques de los misiles chinos, rusos y #norcoreanos todo el abastecimiento de las refinerías en #Europa y el Medio Oriente sin tomar en cuenta el cierre del "Estrecho de Ormuz" por parte de Irán, donde transita el 51% del #petróleo que se consume diario en el mundo y donde ya se encuentra la "sexta flota #norteamericana". Las dificultades que presentan algunos actores en el #conflicto obliga nuevas estrategias especialmente en lo #economico (#costos de guerra).

5 “Intervenciones Humanitarias” que terminaron en desgracia #Yugoslavia #Irak #Libia #Somalia #Haití #EEUU #USA #EEUU

#Repost @clemente.llinas with @get_repost
・・・
El país causante de tanta atrocidades en el mundo es que hoy pretende ayudar a Venezuela. #Libia #MedioOriente #Terrorismo

٢متر شاي لو سمحت 😂😂🤪( المغرب يا جماعه 😍😍 ) #شاي #شاي_مغربي #مغاربة #mrooco #casblanca #arab #iraq #egypt #algira #libia #tunisia #morocco #moroccan #moroco 😍

Parte IV°
A questo modo là il popolo lotta con la nobiltà e con la borghesia. Così là muore, in questa lotta, l'artigiano e il campagnolo vicino al conte, al marchese, al duca.
Non si chiami, questa, retorica. In vero né là esistono classi né qua. Ciò che perennemente e continuamente si muta, non è. La classe che non è per un minuto solo composta dei
medesimi elementi, la classe in cui, con eterna vicenda, si può entrare e se ne può uscire, non è mai sostanzialmente diversa da un’altra classe.

#pascoli #patria #italia #vivalire #poetiitaliani #poeta #discorso #pascoli #giovanni #libia #libiaitaliana

Parte III°
Ora l’Italia, la grande martire delle nazioni, dopo soli cinquant’anni ch’ella rivive, si è presentata al suo dovere di contribuire per la sua parte all’umanamento e all'incivilimento
dei popoli; al suo diritto di non essere soffocata e bloccata nei suoi mari; al suo materno
ufficio di provvedere ai suoi figli volenterosi quel che sol vogliono, lavoro; al suo solenne
impegno coi secoli augusti delle sue due Istorie, di non esser da meno nella sua terza
Era di quel che fosse nelle due prime; si è presentata possente e serena, pronta e rapida,
umana e forte, per mare, per terra e per cielo. […] Chi vuol conoscere quale ora ella è, guardi la sua armata e il suo esercito. Li guardi ora
in azione. Terra, mare e cielo, alpi e pianura, penisola e isole, settentrione e mezzogiorno, vi sono perfettamente fusi. Il roseo e grave alpino combatte vicino al bruno e snello siciliano, l’alto granatiere lombardo s’affratella col piccolo e adusto fuciliere sardo; i bersaglieri (chi vorrà assegnare ai bersaglieri, fiore della gioventù panitalica, una particolare origine?), gli artiglieri della nostra madre terra piemontese dividono i rischi e le guardie coi marinai di Genova e di Venezia, di Napoli e d’Ancona, di Livorno di Viareggio di Bari. Scorrete le liste dei morti gloriosi, dei feriti felici della loro luminosa ferita: voi avrete agio di ricordare e ripassare la geografia di questa che appunto era, tempo
fa, una espressione geografica.
E vi sono le classi e le categorie anche là: ma la lotta non v’è, o è lotta a chi giunge
prima allo stendardo nemico, a chi prima lo afferra, a chi prima muore.
#patria #italia #vivalire #poetiitaliani #poeta #discorso #pascoli #giovanni
#colonialismo #colonialismoitaliano #tripoli #tripoliitaliana #libia #libiaitaliana

The Italo-Turkish war (1911-1912) was an Italian colonial war against the Ottoman Empire. To conquer the North African regions. At the beginning the Italians landed in the coast, captured the main ports and advanced a bit, but the Turks counterattacked, so the Italians stopped into defensive positions, indeed the majority of the war was a brutal and violent stalemate with trench systems all over the Libyan coast and neighboring desert. With the ottomans who charged constantly in all fronts and the Italians who defended their positions desperately. In this war were used a lot of new weapons and also a prototype of an armored car; and were also used for the FIRST TIME IN HISTORY the airplane and the aircraft to bomb the enemy positions, these had an important role for the victory, because they broke the Turk lines and permitted the Italians to advance and break the stalemate. The Italian navy also had a decisive role: stopping the Turk supply line and repelling their attempts to surround the Italians from the coast. This war also caused the first Balkan war, because the Slav, Greek and Albanian people saw how easily the Italians defeated the ottomans. #Italia #Italy #Turchia #Turkey #Libia #Libya #war #guerra #deserto #desert #trincea #trench #italoturkishwar #guerraitaloturca #Balcani #Balkans #Tripoli

Parte II°
Così queste opre tornavano in Patria poveri come prima e peggio contenti di prima, o
si perdevano oscuramente nei gorghi delle altre nazionalità.Ma la grande Proletaria ha trovato luogo per loro: una vasta regione bagnata dal nostro
mare, verso la quale guardano, come sentinelle avanzate, piccole isole nostre; verso la
quale si protende impaziente la nostra isola grande; una vasta regione che già per opera dei nostri progenitori fu abbondevole d’acque e di messi, e verdeggiante d’alberi e giardini; e ora, da un pezzo, per l’inerzia di popolazioni nomadi e neghittose, è per
gran parte un deserto.
Là i lavoratori saranno, non l’opre, mal pagate mal pregiate mal nomate, degli stranieri, ma, nel senso più alto e forte delle parole, agricoltori sul suo, sul terreno della Patria; non dovranno, il nome della Patria, a forza, abiurarlo, ma apriranno vie, coltiveranno terre, deriveranno acque, costruiranno case, faranno porti, sempre vedendo in alto agitato
dall’immenso palpito del mare nostro26 il nostro tricolore.
E non saranno rifiutati, come merce avariata, al primo approdo; e non saranno espulsi,
come masnadieri, alla prima loro protesta; e non saranno, al primo fallo d’un di loro,
braccheggiati, inseguiti accoppati tutti, come bestie feroci. Veglieranno su loro le leggi alle quali diedero il loro voto. Vivranno liberi e sereni su quella terra che sarà una continuazione della terra nativa, con frapposta la strada vicinale del mare. Troveranno, come in Patria, a ogni tratto le vestigia dei grandi antenati.
Anche là è Roma.
E Rumi saranno chiamati. Il che sia augurio buono e promessa certa. Sì: Romani. Sì: fare e soffrire da forti. E sopra tutto ai popoli che non usano se non la forza, imporre, come
non si può fare altrimenti, mediante la guerra, la pace.

#patria #italia #vivalire #poetiitaliani #poeta #discorso #pascoli #giovanni
#colonialismo #colonialismoitaliano #tripoli #tripoliitaliana #libia #libiaitaliana

Most Popular Instagram Hashtags