gioska23 gioska23

2,151 posts   2,741 followers   2,157 followings

G I O V A N N A G A L L O  ✍️ Digital Editor Costume e Attualità 💫 Calabrese a Torino 🍭 Mamma di Elena 💾 Nostalgica degli #anni90 📝 Scrivo su @cosmopolitan_it

Io e Davide siamo abituati a stare lontani, la nostra storia è cominciata così, con mille km tra noi. Io Lamezia, lui Torino, di mezzo un Intercity notte o un volo costosissimo, le ricariche telefoniche da grattare e così via: il resto lo sapete già.
Il 3 luglio io e Elena partiamo per un'avventura: trascorreremo più di un mese da sole a casa dei miei, senza Davide, e sarà il periodo più lungo mai passato senza di lui.
Per me, che non sto un'estate piena dai miei dai tempi del liceo.
Per Elena che ha la sua routine - asilo, giardini, lettone e ne troverà una nuova di zecca.
Per Davide, che rimane in città a lavorare e rientrerà la sera in una casa ordinata e senza giochi a terra ma vuota.
Sono felice, com'è felice Elena, che il tempo non lo sa quantificare: lei va "dall'estate", come se fosse un luogo, va al mare, va dai nonni, e saluterà papà come se lo vedessimo poi domani.
Ci riuniamo il giorno del compleanno di Elena, il 12 agosto: io e lei più abbronzate, lui con 1000 km sulle spalle. Come se nulla fosse cambiato, invece è cambiato tutto.

Mettiamola cosi: se devi fare una cosa, la devi fare bene. E così in total look Dechatlon, come una Pellegrini qualsiasi che deve tuffarsi per vincere l'oro, Elena ha indossato una mise olimpionica e si è buttata nella vasca di quando era appena nata. Perché l'importante è crederci moltissimo, ed Elena in questo ne ha da insegnare a noi grandi 💓

Qua ormai quando trovi un'oasi in cui puoi bere lo spritz mentre Elena pascola tranquilla sui giochini ci metti le tende :) #scopritorino

Più mi dico: da chi avrà preso? Più la gente mi guarda con tenerezza (e @davidelico con compassione)

Sembra una fatina dei boschi, ma neanche la chiamata del commercialista che mi annunciava la cifra esatta da pagare quest'anno è stata tosta da gestire come lei 🦋

Elena ha cominciato a contrattare per come vestirsi. Quindi questa, che sembra una foto mamma-figlia come tante altre, in realtà nasconde una storia antichissima: quella di una donna in fase embrionale che non ha una mazza da mettersi.
E il vestitino no, è scomodo.
E la tutina con sopra i mandarini no, c'ha le spalle calate.
E la t-shirt bianca no, è un po' stropicciata!
E i pantaloncini di jeans no, sono strappati, non vedi?
Alla fine ha optato per questo look, con la canotta rigorosamente abbinata. Io ne sono uscita sfinita dopo almeno 4 cambi e la crisi da armadio, lei è felice perché ha addosso la palette di colori che ha scelto.
E ancora non ha addosso gli ormoni.
E ancora non ha addosso gli ormoni.

Mancano 4 mesi al matrimonio e io adesso scappo per 40 giorni in Calabria. Perché procrastinare è uno stile di vita e io sono bravissima 😎
Ho dato fondo agli acquisti online perché non so neanche dove girarmi tra Elena, il lavoro, la vita di coppia e le serie tv (scusate, mi prendono tempo) e di andare in giro a cercare accessori e decorazioni per il matrimonio non se ne parla. Men che meno di fare come voi matte del DIY con la colla a caldo sempre a portata di mano: brave, ma io le cose le voglio già belle e fatte.
Ultimamente ho scoperto la sezione Tutto per il tuo sì di #eBay: c'è qualsiasi cosa e ci ho dato dentro, lo ammetto 👰🏼 Nei prossimi giorni sul blog vi racconto meglio cosa ho comprato, intanto vi lascio un'anticipazione dell'adorabile cake topper che mi trasformerà nella sposa boho chic che ho sempre sognato di diventare (e che non sarò mai)
#ad #ebay4wedding

Cose pazze di mia figlia: fingere che il tappeto sia il mare e girare nuda per prendere il sole accanto alla scarpiera. Per gli stivali antipioggia non ho nessuna spiegazione.

Computer, caffè, un pezzetto di torta. Sembra una cosa tra tante, è il lavoro che volevo fare.

Sto scrivendo tantissimo. Mercoledì ho una call metà in inglese metà in francese per un cliente molto figo che a questo punto voglio provare a prendere, nonostante il mio pessimo accento.
Elena cresce e chiacchiera tantissimo: mi racconta tutto, canta sempre e ogni giorno mi chiede se è oggi che andiamo dai nonni (ma manca ancora un mese).
A ottobre sposo il compagno di una vita, l'ho visto in tenuta da cerimonia e quasi mi prendeva un colpo per l'emozione. Ho finto di analizzare l'abito in ogni sua parte per non farmi scoprire.
A luglio provo a fare una cosa che non faccio da 10 anni: mollo la città e porto la mia bimba al mare. Compro una Graziella per andare in giro in bici, mi imbottisco di antistaminici per lavorare in giardino e mi godo mia madre e mio padre per un po', chè da nonni sono meglio ancora di prima.
Computer, caffè, un pezzo di torta: sembra un momento tra tanti, per me è la fotografia di come mi sento ora. La testa piena di parole e davanti agli occhi solo cose belle.
Ogni tanto mi serve, come un post it sull'agenda.

La prima serie tv che ho seguito con passione è stata Kiss Me Licia con Cristina d'Avena e poi dall'isola di Lost ad Approdo del Re, fino al Seattle Grace passando per Capeside, non mi sono più fermata. È una grande, immensa passione 💓

Se qualcuno mi vuole mi trova a servire caffè a StarsHollow ☕

Parigi è stata uno spartiacque: tra la mamma ansiosa che ero e la mamma più rilassata che penso di essere ora. Per chi gira il mondo con i bambini sarà una roba da nulla, ma io durante questo viaggio ho capito che è una fatica assurda portarsi dietro i piccoli ma non per loro, per noi. Che ci agitiamo se non mangiano quando devono, se non dormono, se cambiano ritmi e abitudini. E impazziamo se facciamo programmi che poi vanno in fumo e ci intristiamo se quei programmi evitiamo di farli per prudenza.
Parigi mi ha insegnato a fidarmi di mia figlia, che è così piccola ma sa cosa le serve e cosa vuole.
Per questo è un viaggio che non dimenticherò, anche se ce ne saranno di più belli e di più rilassanti. Il primo di tutti💓

Da 3 giorni Elena ha imparato a giocare da sola e a fare finta e ovviamente ha cominciato col gioco di ruolo della mammina.

È madre di svariati figli umani e animali avuti da una relazione con Cicciobello (che lei chiama Il papà), che alle volte diventa anch'esso figlio, dando alla storia tratti inquietanti. Li nutre di continuo tipo la strega di Hansel e Gretel e al mattino li lascia tutti addormentati nel punto più di passaggio della casa e non puoi spostarli, solo scavalcarli e cercare di non fracassarti la tibia sopra la testa di Anna, finché lei non torna da scuola.
Anna è la sua bambola del cuore: senza capelli, nuda, a volte è sorella a volte figlia a volte grande a volte piccola, ma comunque è sempre riversa sul pavimento in pose stravaganti. La ingozza senza pietà svariate volte al giorno a base di pasta cruda e farina, se solo fosse vera andrebbe avanti a prugne e lassativi a vita.
Al momento Papà Cicciobello sta subendo un trattamento intensivo con phon e ferro arricciacapelli quindi non riesco proprio a capire che ruolo abbia attualmente nella vita di mia figlia.
Quindi è così la vita quando hai una bimba di 3 anni che si fa i fatti suoi e mette su famiglia con un biondino ebete che non la aiuta per niente a tenere in piedi la famiglia. Se ne faccio un altro, direttamente in questa fase, grazie.

Torino ieri era un tripudio di bellezza! In centro trovate ancora oggi #flor2018 e questo spettacolo (magari con un po' meno sole)

Most Popular Instagram Hashtags