[PR] Gain and Get More Likes and Followers on Instagram.

fazieditore fazieditore

869 posts   19577 followers   1987 followings

Fazi Editore  La qualità resiste. Casa editrice indipendente nata nel 1995. Condividi foto e citazioni dei nostri libri con #fazieditore

http://www.fazieditore.it/

Da ieri sera sta girando online questo poster del film #TheIrishman, tratto dal romanzo «L’Irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa» di Charles Brandt, da noi pubblicato. @netflix non ha ancora confermato l’ufficialità dell’immagine, ma a noi bastano quei quattro nomi – #MartinScorsese, #RobertDeNiro, #AlPacino e #JoePesci – per iniziare a contare i giorni che ci dividono dall’uscita!

#fazieditore

Dalla tipografia continuano ad arrivare scatole contenenti le nostre prossime uscite: oggi è il turno del maestro del noir francese #LéoMalet, e di uno dei suoi romanzi più celebri, «120, rue de la Gare», la prima inchiesta dell’affascinante #NestorBurma. Un romanzo che non può mancare nelle librerie di chi colleziona la serie, ma anche un’ottima occasione per fare la conoscenza del detective anarchico e delle sue mirabolanti avventure. Dal 25 gennaio in #libreria!

#fazieditore #darkside

È da oggi in libreria #LaFelicitàDomestica di #LevTolstoj, la nostra seconda uscita dell'anno.
Rimasta orfana a diciassette anni, Mascia vive con Sonia, la sorella minore, e Katia, la governante. L’inverno è lungo e cupo, nella campagna russa: le finestre gelate, le stanze vuote, le persone silenziose. Finché a portare un po’ di luce arriva lui, Serghièi Mikhàilovic, un vecchio amico di famiglia: aveva lasciato una bambina e ritrova una giovane donna avvenente. Dopo un corteggiamento fatto di bisbigli, mezze confessioni e impacciati camuffamenti, Mascia e Serghièi si sposano, lei più che mai convinta che i vent’anni di differenza non intaccheranno il loro amore, lui, dall’alto della sua età, ben più dubbioso eppure disposto a illudersi. Ma come l’innamoramento, anche la consunzione del rapporto è una cronaca annunciata. Ben presto la ragazza scoprirà che la vita coniugale e i propri sentimenti nei confronti del marito sono molto più complessi di quanto immaginasse e hanno poco a che fare con le nozioni di vita matrimoniale che aveva appreso da bambina.
Con grande finezza e attraverso uno sguardo molto moderno, il romanzo racconta le incomprensioni, le incrinature sempre più profonde nei rapporti coniugali e il loro sfociare nel distacco e nell’indifferenza reciproca. Scritto nel 1859 da un Tolstoj trentaduenne che in queste pagine adotta per la prima volta il punto di vista della donna, «La felicità domestica» segna una tappa importante per la nascita della consapevolezza femminile in Europa. Nella traduzione magistrale di Clemente Rebora, un imperdibile romanzo di Tolstoj su quella felicità familiare che l’autore non smise mai di cercare per sé.

#fazieditore

Nuovi, splendidi arrivi in casa editrice. Ricordatevi questa copertina e questo titolo: #DaDuemilaAnni di #MihailSebastian, un classico della letteratura rumena, per la prima volta pubblicato in Italia. Uscito nel 1934, il romanzo è una tragica testimonianza dell’ascesa dell’antisemitismo in Europa. Un documento inestimabile e un racconto doloroso su uno dei periodi più feroci della storia europea che, in questi tempi oscuri di irragionevoli spinte nazionalistiche, ci insegna a dare un senso al passato offrendoci un ritratto dei molti volti dell’antisemitismo e provando a dare una risposta all’inevitabilità dell’odio. Esce il 25 gennaio ed è un capolavoro, ve lo assicuriamo.

#fazieditore

Prima di concludere questa settimana lavorativa, vogliamo presentarvi una delle nostre prossime uscite, a cui teniamo in modo particolare: #LaManutenzioneDeiSensi di #FrancoFaggiani, un romanzo che trabocca di umanità e sensibilità autentiche, delicato e terapeutico come una passeggiata in montagna. In casa editrice ha già fatto piangere più di qualche collega. Ve ne parleremo più approfonditamente da qui all’uscita (il primo febbraio). Intanto questa è la copertina, che ne pensate?
#fazieditore

90 anni fa, l'11 gennaio del 1928, se ne andava #ThomasHardy, grandissimo poeta e romanziere inglese. Dopo #NelBosco, #ViaDallaPazzaFolla e #DueOcchiAzzurri, ci sembra il giorno ideale per annunciare che in primavera pubblicheremo una nuova edizione di #SottoGliAlberi, il romanzo più ottimista e divertente di Hardy.

#fazieditore

È da oggi in libreria la nostra prima uscita dell'anno: #LaFattoriaDeiGelsomini di #ElizabethVonArnim, nella nuova traduzione di Sabina Terziani.
Lady Daisy e sua figlia Terry hanno invitato alcuni ospiti a trascorrere il fine settimana nella loro dimora di campagna. Ma la padrona di casa, di solito ineccepibile, non si rivela all’altezza. Più passa il tempo, più il soggiorno, che culmina in un interminabile pranzo, diventa un supplizio per tutti: il caldo è insopportabile, le interazioni obbligate alla lunga sfiancano, e il dolce all’uva spina, causa di imbarazzanti malesseri, è il colpo di grazia. Sempre più insofferenti, Mr Topham e il misterioso Andrew trovano rifugio in una lunga partita a scacchi, che si protrae fino a notte inoltrata, quando tutti gli altri sono già a letto. Peccato solo che la candida Terry, il mattino dopo, sappia chi ha vinto. A questo punto i sospetti di adulterio della moglie di Andrew diventano certezza: alla giovane Rosie non resta che mettere a punto la vendetta. E quale miglior alleata, se non la madre, l’esuberante Mrs de Lacy, scaltra come poche, che non vede l’ora di irrompere sulla scena, avendo già fiutato l’occasione per guadagnarci qualcosa?
Con la sua eleganza e la sua ironia tagliente, Elizabeth von Arnim ci racconta tutto quello che si nasconde dietro l’ipocrisia dei salotti dell’aristocrazia inglese in un romanzo che fa ridere e sorridere spesso, pervaso di un allegro cinismo e di un’irriverente satira sociale.

#fazieditore

Sono finalmente arrivate in casa editrice le copie della nostra seconda uscita di questo 2018: #LaFelicitàDomestica di #LevTolstoj! Scritto nel 1859 da un #Tolstoj trentaduenne che in queste pagine adotta per la prima volta il punto di vista di una donna, «La felicità domestica» segna una tappa importante per la nascita della consapevolezza femminile in Europa. Nella traduzione magistrale di #ClementeRebora, il romanzo racconta, con grande finezza e attraverso uno sguardo molto moderno, le incomprensioni, le incrinature sempre più profonde nei rapporti coniugali e il loro sfociare nel distacco e nell’indifferenza reciproca. Dal 18 gennaio in tutte le librerie!

#fazieditore

«Quando ero bambina e poi adolescente, i libri mi salvarono dalla disperazione: così mi convinsi che la cultura rappresenti il valore supremo»

Nasceva oggi, il 9 gennaio del 1908 a Parigi, #SimoneDeBeauvoir.
Per chi volesse approfondire la sua figura, consigliamo #AlCaffèDegliEsistenzialisti di #SarahBakewell: un viaggio originale alla scoperta dei personaggi che hanno impresso una traccia indelebile nella storia del pensiero contemporaneo, da #Sartre e la de Beauvoir, “il re e la regina dell’esistenzialismo”, fino ai loro amici e fieri avversari come #Camus, #Heidegger, Merleau-Ponty e Lévinas.

#fazieditore

«I libri, gli amici generosi che mi accolsero senza sospetto, i padroni misericordiosi che non mi hanno mai maltrattato! A tutte le ore, per tutte le lunghe notti invernali e i tranquilli giorni d’estate, ho bevuto alla fontana della conoscenza, senza mai stancarmi.» Nasceva oggi, l'8 gennaio del 1824, #WilkieCollins, il padre riconosciuto del genere poliziesco. A breve vi sveleremo quale sarà il suo prossimo romanzo che pubblicheremo :) #fazieditore

«Temo che sia politicamente scorretto - e diplomaticamente poco opportuno nei confronti dell'editore - dire che #LaFattoriaDeielsomini di #ElizabethVonArmin (in libreria dall'11 gennaio) è un libro squisitamente femminile. È forse politicamente scorretto, ma le cose stanno così. Perché difficilmente un uomo sarebbe stato capace di inventare, raccontare, analizzare un intreccio complesso ed esemplare, che si regge tuttavia su elementi così fragili, frivoli e delicati.» Irene Bignardi firma una splendida recensione di «La fattoria dei gelsomini» su #Robinson di @larepubblica di oggi. E non ti preoccupare della diplomazia, cara Irene, condividiamo in pieno!
#fazieditore

«Per William Stoner, invece, il futuro era una certezza fulgida e immutabile. Ai suoi occhi non appariva come un flusso di eventi, mutazioni e potenzialità, ma come un territorio che attendeva solo di essere esplorato. Gli sembrava simile alla grande biblioteca dell’università, che poteva essere arricchita dalla costruzione di nuove ali, cui potevano aggiungersi nuovi libri o esserne tolti di vecchi, ma che manteneva essenzialmente invariata la sua vera natura. Immaginava il suo futuro solo nell’istituzione a cui si era votato, e che comprendeva in modo tanto imperfetto. Non escludeva di poter cambiare in quel futuro, ma considerava il futuro stesso come lo strumento, piuttosto che l’obiettivo, del cambiamento.» #Stoner, #JohnWilliams

#fazieditore

Most Popular Instagram Hashtags